Successo delle sessioni AICPEO a SICPRE 2016

//Successo delle sessioni AICPEO a SICPRE 2016

Successo delle sessioni AICPEO a SICPRE 2016

Grande successo di partecipazione alle sessioni scientifiche patrocinate dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica dell’Obesità (AICPEO), tenutesi nell’ambito del 65° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed estetica (SICPRE), svoltosi a Torino dal 21 al 24 settembre 2016.

 

“Desidero ringraziare innanzitutto la SICPRE e gli organizzatori del Congresso – dice il prof. D’Aniello Presidente dell’AICPEO – per gli spazi riservati alle sessioni scientifiche patrocinate dalla AICPEO nell’ambito dei lavori dell’annuale Congresso Nazionale; grande motivo di soddisfazione è poi constatare che tali sessioni, con importanti relatori nazionali ed internazionali, abbiano avuto grande successo risultando fra le più seguite e le più apprezzate; inoltre la gradita presenza ai lavori del Presidente della Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità (SICOB), Prof. Di Lorenzo, sottolinea l’importanza della multidisciplinarietà necessaria in questo particolare ambito clinico-chirurgico e premia lo volontà dell’AICPEO di costruire una “casa comune” per tutti gli operatori del settore”.

“Inoltre – continua il Professor D’Aniello – l’eccezionale aumento della richiesta di interventi di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva post – obesità dell’ultimo decennio ha posto una serie di problematiche, emerse durante la discussione scientifica, tuttora irrisolte circa l’eseguibilità di queste procedure a carico dei Sistemi Sanitari Regionali con risposte diverse a seconda delle varie situazioni regionali creando confusione e mobilità inter-regionale dei pazienti. Il SSN consente terapie chirurgiche per il trattamento dell’obesità, ma non prevede un percorso altrettanto chiaro ed univoco per il trattamento degli esiti, spesso altamente invalidanti, degli interventi di chirurgia bariatrica eseguiti. Analogamente, per i pazienti che hanno subito notevoli cali ponderali senza ricorrere alla chirurgia bariatrica, quindi senza costi aggiuntivi, non è previsto un trattamento chirurgico plastico ricostruttivo a carico del SSN”.

Per tali motivi il Consiglio Direttivo dell’AICPEO, riunitosi a Torino ha deliberato all’unanimità, al fine di evitare pressioni di gruppi di pazienti, molto attivi, che si scontrano sempre più frequentemente con le variegate e diversificate risposte assistenziali regionali e a volte aziendali, la necessità di inviare al Ministro della Salute, On. Beatrice Lorenzin, la formale richiesta per l’istituzione di un tavolo tecnico al fine di formulare una normativa univoca e condivisa su tutto il territorio nazionale, che non lasci spazio ad interpretazioni distorsive, spesso a danno dei pazienti.

2016-10-05T13:02:35+00:00